.

.

sabato 8 febbraio 2014

Strudel di prugne, spinaci e ricotta servito con valeriana


Lo strudel e le torte salate sono preparazioni che amo molto perché sono saporite e sfiziose,  danno la possibilità di divertirsi sempre a creare nuovi ripieni e nuove forme, ma soprattutto accendono nella mia mente il ricordo delle gite fuori porta e delle prime scampagnate all'aria aperta. 
Sarà il brutto tempo di questi giorni, sarà perché intravedo l'arrivo della primavera che ho immaginato un prato di valeriana fresco e invitante sul quale sedersi a sgranocchiare un piatto come questo e godersi il primo sole.

Vediamo ingredienti e preparazione.

Innanzitutto ho preparato l'impasto seguendo il metodo della pasta strudel, che è diversa dalla pasta sfoglia o dalla pasta brisée.
Per l'impasto dello strudel abbiamo bisogno di:
  • 300 gr. di farina di grano tenero debole
  • 60 gr. di buon burro (20% sulla quantità della farina)
  • 60 ml. di acqua (20% sulla quantità della farina)
  • un pizzico di sale 
  • 3 uova
  • emulsione di olio e sale per spennellare prima e dopo la cottura in forno
Mescoliamo tutto insieme e formiamo un bell'impasto liscio ed omogeneo. E' una pasta che non deve lievitare, ma deve solo riposare almeno 30' prima di essere stesa. 

Per la farcitura abbiamo invece bisogno di:
  • 500 gr. di spinaci freschi
  • sale, olio
  • 1 vasetto di ricotta
  • 1 uovo
  • una manciata di prugne secche
Facciamo prima lessare gli spinaci, li lasciamo raffreddare e li strizziamo per bene per privarli dell'acqua. 
Amalgamiamo spinaci, ricotta, prugne e uovo con un goccio di olio evo.

Nel frattempo stendiamo la pasta con il matterello fino ad avere uno spessore fine e la bucherelliamo con i rebbi della forchetta. 
Mettiamo la farcitura sulla pasta e arrotoliamo tutto, chiudendo le estremità.



Spennelliamo la superficie dello strudel con emulsione di olio e sale, sia prima che dopo la cottura, e inforniamo a 200° per 25/30'. 

Difficoltà: media.
Tempi: 1 ora abbondante.
Piatto per 4 persone.
Buona gita.

Nessun commento:

Posta un commento