.

.

lunedì 1 dicembre 2014

Involtini di verza e salmone marinato nel miele di bosco con salsa alle pere



In questo periodo sto giocando molto con il miele e mi sono affezionata al miele di bosco e a quello di castagno. Sto provando a cucinare un po' di tutto e oggi è il turno della verza con salmone.

Ho pensato alla verza e al salmone, un classico abbinamento, passando da una marinatura nel miele di bosco e servendo il piatto con un'ottima salsa a base di burro e pere.

A discapito di quanto si possa pensare leggendo gli ingredienti, non è un piatto dolce o che sa di "dolce". A mio avviso è ben equilibrato e penso che lo riproporrò ancora.

Ingredienti per 4 persone:
  • 8 foglie di verza lessate
  • 60 gr. di salmone affumicato
  • 2 cucchiaini di miele di bosco
  • sale grosso
  • pepe nero
  • mezza cipolla bianca
  • 1 pera
  • 20 gr. di buon burro
  • 4 chiodi di garofano
  • 1 spicchio di aglio

Ecco come procediamo:
  1. Facciamo lessare le foglie di 1 verza piccola, lavate e tagliate, in abbondante acqua salata con un pizzico di sale grosso, i chiodi di garofano e 1 spicchio di aglio.
  2. Una volta cotta, scoliamo le foglie di verza in una ciotola con acqua fredda per bloccare la cottura e mantenere un bel colorito e poi scoliamo nuovamente facendole privare dell'acqua in eccesso. Eliminiamo anche aglio e chiodi di garofano.
  3. Contestualmente spalmiamo il miele sul salmone e lo mettiamo in una terrina chiusa a riposare in frigorifero.
  4. Prendiamo un paio di foglie per ogni persona, disponiamo su ognuna delle fettine di salmone marinato e le arrotoliamo come involtini.
  5. Disponiamo gli involtini su un piatto da portata e versiamo sopra la salsa, ottenuta facendo scaldare il burro e la pera tagliata a pezzetti in una padella e successivamente frullati con il mixer.


Buon appetito.

Tempi: 30'
Esecuzione: semplice.
Nota: se cuocete tutta la verza, per quanto piccola sia, ma volete fare un piatto per sole 4 persone, vi avanzerà una parte. Potete mangiarla così o farci una crema, una torta salata, ...

Nessun commento:

Posta un commento