.

.

martedì 17 febbraio 2015

Pane all'arancia



E' proprio vero che le ricette a volte nascono un po' per caso. Mentre stavo preparando gli ingredienti per fare un nuovo pane e stavo pesando le farine, portando il lievito in temperatura, calcolando il sale,... mi sono fermata a fare una spremuta d'arancia alla mia piccola Giulia e mi sono subito chiesta perché non fare un pane all'arancia. 

Queste arance che abbiamo comprato di recente sono buonissime, dolci al punto giusto e allora perchè no? 
In passato avevo già provato ad usare un po' di succo insieme all'acqua dell'impasto e, lo scorso Natale, avevo impastato il panettone con cioccolato e pasta d'arancia pertanto avevo già provato qualcosa di simile.
Con questo pane invece ho voluto sostituire quasi totalmente l'acqua con il succo d'arancia e ho anche utilizzato la polpa dello stesso frutto.

Non si tratta di una brioche perchè non c'è zucchero aggiunto, non c'è burro, non ci sono uova, ma è un semplice impasto di pane arricchito dal succo e dalla polpa d'arancia.
Vi lascio immaginare il profumo: e' un buon profumo fresco d'arancia, che dona il suo contributo perfetto alla realizzazione di questo pane senza eccedere, senza invadere lo spazio del semplice e genuino sapore del pane.

Per quanto riguarda l'idratazione, ho continuato nella ricerca di questi pani molto idratati, ottenendo un prodotto molto morbido dentro e croccante fuori.

Ve lo consiglio. Va bene quale contorno durante i nostri pasti e come merenda o colazione. 



Per questo impasto non ho fatto autolisi, ma ho lavorato subito farina, succo, polpa, malto e lievito.
Ho azionato il gancio della planetaria al minimo e ho continuato così fino alla fine, aggiungendo la restante acqua poco alla volta, mettendo il sale per ultimo ad incordatura formata.

Ho lavorato con le mani l'impasto sul piano di lavoro infarinato e poi l'ho messo a lievitare in un cestino coperto, a temperatura ambiente. 
Questo pane non ha fatto nessun riposo refrigerato, ma a lievitazione ultimata ho dato forma al pane e poi gli ho fatto fare un'altra lievitazione prima della cottura.

Per la cottura: forno preriscaldato a 220° e cottura su pietra refrattaria alla stessa temperatura fino a doratura e fino al raggiungimento della temperatura di 96° al cuore.
Lasciare sempre raffreddare il pane su una gratella prima di tagliarlo.






Con questo pane partecipo a Panissimo, 
evento creato da Barbara (www.myitaliansmorgasbord.com)  

 

Partecipo inoltre alla raccolta della gemella polacca


8 commenti:

  1. Chissà come sarà buono, mai mangiato un pane all'arancia!! A me piacerebbe moltissimo visto la bella mollica che ha.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' buono Any, se hai voglia di farlo te lo consiglio
      ciao e buona giornata
      Tiziana

      Elimina
  2. Questo pane ha un bellissimo aspetto Tiziana e poi chissà che profumo. Deve essere eccezionale con i piatti di pesce.. Brava come sempre :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi facciamo proprio il pesce ;)
      Ciao Gaia, grazie

      Elimina
  3. QUI SI SFORNA ALLA GRANDE, PERO' CHE IDEA GENIALE!!!!BRAVA!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che devo prendere un forno più grande...
      Ciao Sabry, grazie mille
      Baci

      Elimina