.

.

venerdì 2 ottobre 2015

La Fonduta Valdostana



Oggi vi porto a fare un piccolo giro fotografico in montagna e con l'occasione vi preparo la fonduta Valdostana.




Vi piace l'idea?





Questo piatto è a base di fontina, il formaggio più famoso della Valle d'Aosta. 

In base al periodo in cui la fontina viene prodotta, il sapore cambia con sfumature differenti che variano a seconda del foraggio mangiato dalle mucche, le quali poi producono il latte con il quale è fatto il formaggio.


Originariamente la fontina veniva prodotta negli alpeggi, mentre a partire dall'Ottocento cominciarono a sorgere le latterie turnarie nelle quali, una volta al mese, si riunivano le famiglie per mettere in comune il latte proveniente dalle proprie mucche.


Possiamo consumare la fonduta abbinandola al tartufo, ottenendo un piatto pregiatissimo e molto prelibato, oppure possiamo abbinarla ai funghi.
Io vi ho proposto una versione semplicissima.






Ecco la ricetta
(Fonte: A Qualcuno Piace Cracco)


Ingredienti
(per 4 persone):


  • 500 g di fontina (pesata dopo aver tolto la crosta)
  • 30 g circa di maizena
  • 750 g di latte
  • un pizzico di sale


Procedimento
(30' + tempo di riposo):



  1. Tagliamo la fontina in tanti pezzi piccoli e la mescoliamo bene con la maizena dopodiché aggiungiamo il latte. Io la copro con un coperchio e la lascio normalmente a riposo per tutta la notte, ma dovrebbero bastare anche un paio d'ore.
  2. Versiamo un pò di acqua in una pentola e la facciamo bollire; non appena bolle, aggiungiamo a bagnomaria il contenitore con la fontina, il latte e la maizena, facendolo sciogliere e continuando a mescolare. Regoliamo con un pizzico di sale.
  3. Facciamo filtrare la fonduta con un colino, ma se invece ci piace una consistenza più grezza possiamo lasciarla così com'è e servirla.




La regione Valle D'Aosta è riuscita ad accaparrarsi la maternità della ricetta in quanto l'ingredienti principale di questa preparazione è proprio la fontina valdostana DOP.
L'origine della fonduta non è comunque chiaro e rimante tuttora una preparazione tradizionale della zona Alpina tra Piemonte, Valle D'Aosta e Svizzera, nella quale si trovano diverse versioni di questa ricetta.







Buona passeggiata e buon appetito






4 commenti:

  1. Que fotos más bonitas y los paisajes son una maravilla, que alegria ver tantas zonas verdes, por aquí hay tan poco... Me gusta mucho el queso, y asi mucho más, tiene que estar muy rico.
    Un beso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti siano piaciute così tanto Azucena! I paesaggi così verdi sono aria Buona per l'anima.
      Allora buona domenica e grazie mille ancora ☺☺

      Elimina
  2. Mi è corso un brivido lungo la schiena vedendo le foto e subito sono stata assalita dalla voglia di pucciare dentro la tua fonduta!!!

    RispondiElimina