.

.

lunedì 20 giugno 2016

Il Lodigiano: due passi per il centro di Lodi e un assaggio alla sua torta








Il 3 agosto del 1158 D.C. Federico I di Svevia (il Barbarossa) promosse la costruzione della città di Lodi a seguito della distruzione, ad opera dei milanesi, della preesistente città romana Laus Pompeia.
La città si estende su circa 40 chilometri quadrati, al centro della bassa pianura lombarda ed è attraversata dal fiume Adda e da molti altri corsi d'acqua, come tutto il territorio Lodigiano del quale vi sto parlando in questa rubrica. 
Anche la città di Lodi, così come il territorio circostante, era in origine paludosa e insalubre e fu grazie all'opera di bonifica costante intrapresa dai monaci cistercensi e benedettini, nonché ai lavori di ingegneria idraulica (si pensi alla formazione del canale Muzza risalente al 1200), che la città e tutto il Lodigiano vennero bonificati e trasformati in una delle regioni più fertili di tutta l'Europa.










In queste foto vedete la Basilica Cattedrale della Vergine Assunta, nota come Duomo di Lodi, situata nell'elegante Piazza della Vittoria (sec. XII).
La sua costruzione risale al 1160, è in stile romanico ed è stata completamente restaurata nel 1958. E' una delle chiese più grandi della Lombardia e nella sua cripta sono conservate le spoglie di San Bassiano.
Se siete da queste parti vi consiglio di fare un giro tra le eleganti vie del centro e di fermarvi a bere un caffè in questa bella piazza, magari in occasione della Rassegna Gastronomica del Lodigiano, che si tiene normalmente ogni anno tra ottobre e dicembre, oppure durante il fine settimana di Le Forme del Gusto che si terrà il 24 e 25 Settembre 2016.










Adesso prepariamo la nostra ricetta. Potevo forse evitare di sfornarvi il tradizionale dolce di questa città?
Vi avevo già fatto questa torta in un precedente articolo dello scorso 27 aprile 2015, ma questa occasione è perfetta per riproporvela e per parlarvene ancora. 





La grammatura che vi propongo mi è stata insegnata al corso di pasticceria che ho frequentato a Lodi, tenuto dallo Chef S. Granata.





Ecco allora la ricetta:
  • 250 gr. di farina 00
  • 200 gr. di burro
  • 150 gr. di mandorle non pelate
  • 100 gr. di zucchero semolato
  • 2 gr. di sale


Impastate tutti gli ingredienti cominciando da burro e zucchero. Se avete una planetaria, impastate con lo scudo (gancio a K) burro e zucchero e poi aggiungete gli altri ingredienti, lavorandoli il minor tempo possibile, come si fa per la frolla.
Lasciate riposare l'impasto in frigorifero almeno 30 minuti e poi stendetelo in una teglia rotonda.
Preriscaldate il forno e cuocete a 170°C fino a doratura (circa 30 minuti). Lasciate raffreddare e poi spolverate a piacere con lo zucchero a velo.






E' un dolce simile alla torta sbrisolona ed è riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali come un prodotto agroalimentare tradizionale italiano. 






Buona passeggiata 
a spasso per il centro di Lodi
















1 commento:

  1. Ciao cara Tiziana, io adoro la tortionata ma non sapevo delle sue origini. Grazie, Lorena

    RispondiElimina