.

.

giovedì 13 ottobre 2016

Ricette Sicure: il primo libro di ricette a prova di rischio alimentare











Dall'11 Ottobre potete leggere e scaricare il libro Ricette Sicure sul sito dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie.
Il link per accedere alla pagina è il seguente: http://www.izsvenezie.it/ricette-sicure-libro-ricette-rischio-alimentare/

Di che cosa si tratta?

E' un manuale realizzato nell'ambito del progetto di ricerca C IZSVE 05/2013, finanziato dal Ministero della Salute, scritto da esperti in materia di sicurezza alimentare e food blogger.

Nel manuale (non chiamatelo soltanto ricettario...) sono presenti 47 ricette di food blogger italiane, che hanno seguito e superato il corso Sale Pepe e Sicurezza, in merito alla sicurezza alimentare.
Tutte le ricette riportano anche i dati nutrizionali sul contenuto di proteine, grassi, carboidrati, calorie e allergeni. A pagina 28 troverete anche me con i miei ravioli stelle e strisce. 


Probabilmente ricorderete gli articoli presenti su questo blog, scritti passo dopo passo durante il corso Sale, Pepe e Sicurezza tenuto dall'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie. Se cliccate "Sicurezza Alimentare" nell'archivio del blog o nel bottone di ricerca, troverete le numerose e importantissime informazioni con le quali spero di non avervi annoiato, riguardo la conservazione dei cibi, il loro trattamento in cucina, nel frigorifero, durante la cottura e molto altro ancora. 
Il manuale rappresenta la conclusione del corso di cui vi ho reso partecipi e vuole dimostrare, in maniera chiara ed efficace, l'indissolubile e importantissimo nesso che deve sempre esserci tra il bello di cucinare, di essere creativi in cucina e le norme di sicurezza alimentare. 
Per ogni ricetta troverete utili informazioni sulle abitudini da acquisire in cucina e sui rischi alimentari ai quali siamo sottoposti (spesso invisibili e non sufficientemente considerati).


Perché i/le food blogger?

Perché sono molto presenti in rete, godono di fiducia da parte dei consumatori e sono un veicolo importantissimo e molto efficace di informazione.
Quale mezzo migliore e maggiormente diretto per cercare di diffondere l'educazione alle corrette pratiche alimentari?


A questo punto vi auguro una buona lettura, mentre vi aspetto a pagina 28 e 29 del libro.
Vi suggerisco anche di dare un'occhiata ai precedenti articoli presenti nel blog con il tag Sicurezza Alimentare. 


Sembra sempre tutto scontato, 
ma non lo è.


Per concludere, un altro doveroso grazie è rivolto all'AIFB, Associazione Italiana Food Blogger per avermi permesso di prendere parte al progetto.












Nessun commento:

Posta un commento